Neruda, oppure…Go with Me – I film consigliati

Massimo Arciresi

Neruda, oppure…Go with Me – I film consigliati

- mercoledì 19 Ottobre 2016 - 09:29

Questa settimana il nostro critico Massimo Arciresi vi consiglia: Neruda e Go with Me...

Voglia di Cinema! – I consigli di Massimo Arciresi

 

Neruda (id., Cile/Argentina/Francia/Spagna/USA, 2016) di Pablo Larraín con Luis Gnecco, Gael García Bernal, Mercedes Morán, Alfredo Castro.
Non è una reale biografia, come dichiara lo stesso Larraín, autore che è ormai una garanzia (anche nella capacità di spiazzare). Ci sono naturalmente dei frammenti – affatto agiografici – della vita del poeta cileno (che ha il volto comune dell’ottimo Gnecco, già apprezzato ne La prima luce), dalla sua presenza in un parlamento-orinatoio alla sua fuga dalle persecuzioni del presidente Videla (Castro, fedelissimo del regista) a fine anni ’40. Ma il film è principalmente un ragionamento, all’occorrenza astratto, sull’arte (e sul suo potere di creare), sulla politica, sulla lotta di classe. La moglie complice e paziente (Morán) e l’incrollabile prefetto che non sa da cosa è mosso (García Bernal, in fondo il vero protagonista) aggiungono valore all’opera, connotata da alcuni dialoghi su sfondi cangianti.

 

Oppure… go_with_me

Go with Me (id./Blackway, USA, 2015) di Daniel Alfredson con Anthony Hopkins, Julia Stiles, Alexander Ludwig, Ray Liotta.
Ultimamente Hopkins accetta proprio di tutto, e il fatto che nei panni dell’immorale antagonista ci sia il solito Liotta sulla carta era un’aggravante. Invece lo svedese Alfredson (già con l’attore britannico nell’inedito Il caso Freddy Heineken), appellandosi a una “vecchia maniera” quasi estinta, ha confezionato (da un romanzo di Castle Freeman Jr.) un thriller perlomeno onesto, i cui pochi elementi sanno esaltare un’atmosfera gelida e disagevole. Una giovane donna è importunata da un temibile ex-vicesceriffo e difesa da un anziano boscaiolo. Fantastica la Stiles, chissà perché esiliata dallo star system.

 

Voglia di cinema! La frase della settimana

«Non è che lo vai a dire a tua madre?» Un’allarmata Micaela Ramazzotti, inquieta lavoratrice con figli, scruta il diciannovenne Eduardo Valdarnini (che però, dopo una notte brava, crede di essere stato a letto, invece che con lei, con l’amica Paola Cortellesi, cantante single, al contrario del tutto aliena alle facili avventure) nel grazioso ma inconcludente Qualcosa di nuovo (Italia, 2016) di Cristina Comencini.

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta