SALVATI MILLE POSTI DI MASSOFISIOTERAPISTA IN SICILIA

Redazione

SALVATI MILLE POSTI DI MASSOFISIOTERAPISTA IN SICILIA

- lunedì 04 Giugno 2012 - 12:07

Con una nota dell’Assessorato della Salute un importante argine al massiccio licenziamento di masso fisioterapisti nelle strutture private sicilane.

E’ proprio di oggi la notizia che L’Assessorato della Salute,  con una nota  a firma dello stesso Assessore On. Massimo Russo, a chiarimento del ruolo di masso fisioterapista ha precisato, quale  requisito sufficiente per l’esercizio della funzione di masso fisioterapista il corso biennale autorizzato dalla Regione e ,per quel che attiene  l’equipollenza di tale titolo professionale a quello di fisioterapista, l’Assessorato cita, nella sua nota,le direttive Ministeriali che identificano quale requisito il corso triennale di formazione specifica come da decreto del 2000.

Ovviamente si precisa che i masso fisioterapisti non in possesso di titoli equipollenti alla laurea in fisioterapia non possono svolgere le mansioni riservate a detto professionista.

La nota dell’Assessore On. Massimo Russo  si è resa necessaria dopo che era stato segnalato in Assessorato il massiccio programma di licenziamenti portato avanti dalle strutture sanitarie private del territorio regionale adducendo come motivazione per la cessazione del rapporto di lavoro la “sopravvenuta inidoneità” allo svolgimento di tale mansione.

La nota, diffusa ai Direttori Generali alle Asp, AO e AOUP,  sottolinea la necessità che le strutture private  rivalutino  tale motivazione non essendo in linea con le indicazioni Ministeriali .

In tal modo si opera nella direzione del salvataggio di mille posti di lavoro così come sottolineato dalla Segreteria Nazionale  SIMMAS il sindacato italiano dei massofisioteapisti che, grazie tra gli altri,  al contributo  dell’On.Vito Li Causi  di  MPA  segue da vicino la drammatica situazione dei masso fisioterapisti in Sicilia che perdono il posto di lavoro o che rischiano di perderlo nel brevissimo periodo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta