Street-photography – Fotografi in giro per la città

street-photography

Per coloro che si dedicano alla street-photography, l’ambiente in cui catturare le immagini è proprio la strada della metropoli, come del piccolo borgo piena di vetrine, di luci, di persone e cose

 

di  Andrea di Napoli

Il ritratto e il paesaggio sono sempre stati i generi più affrontati dai fotografi professionisti e non. Tuttavia, le immagini che solitamente coinvolgono maggiormente gli osservatori sono quelle realizzate non in uno studio o in un incantevole ambiente naturale, bensì in un qualsiasi luogo pubblico, all’interno di un comune contesto abitativo, in uno spazio nel quale sia normale la presenza delle persone che agiscono, si muovono, svolgono le loro abituali attività, intrattengono le consuete relazioni sociali. Infatti, quanto più è affollato il luogo rappresentato, quanto più si riferisce a situazioni frequenti, tanto più facilmente avviene il processo di identificazione di chi osserva la fotografia, in quanto è portato a ritenere che verosimilmente si sarebbe potuto trovare anch’esso in quella inquadratura, mentre aspetta l’autobus o sfoglia un giornale. La semplicità della circostanza e la spontaneità dei soggetti presenti sono il principale punto di forza di un genere che al realismo del paesaggio urbano ha saputo aggiungere anche una significativa valenza sociale.monfotostreet

Per coloro che si dedicano alla street-photography, l’ambiente in cui catturare le immagini è proprio la strada della metropoli, come del piccolo borgo piena di vetrine, di luci, di persone e cose. Lo scopo fondamentale consiste nel riuscire a bloccare rapidamente i fugaci istanti della vita quotidiana di frettolosi passanti. Nelle fotografie di “ambiente” la presenza casuale di una persona non è considerata lesiva della sua immagine né della “privacy”. E, se è vero che, fino a qualche tempo fa, chi si accorgeva di essere stato ritratto poteva infastidirsi, ormai accade sempre più spesso che chieda compiaciuto di condividere con l’autore gli scatti in cui appare.

Uno dei massimi esponenti di questo genere fotografico è stato il celebre Henri Cartier-Bresson, capace di cogliere il momento decisivo nel quale tutti gli elementi presenti nella scena inquadrata si compongono perfettamente.

Consapevole dell’importanza rivestita oggigiorno dalla Fotografia, unitamente agli stimoli artistici ed alle particolarità “umane” presenti nel Centro Storico della nostra città, l’Associazione di Volontariato Imago ha lanciato una iniziativa rivolta agli appassionati della Street-Photography che, accompagnati e coordinati dagli esperti Vincenzo Montalbano e Gregorio Bertolini, si incontreranno Domenica 8 Gennaio 2017 a Palermo, in Piazza Massimo (Piazza Verdi) alle ore 9:30, per effettuare un breve, ma affascinante, “tour fotografico” fino alla Cattedrale, passando per i Quattro Canti. Strada facendo il percorso potrà subire variazioni. Sarà possibile scattare con qualsiasi mezzo (compresi gli  Smartphone), tenendo conto che ai “fotografi di strada” occorre una attrezzatura molto versatile, maneggevole e poco ingombrante. La sessione avrà termine intorno alle 13:00. Le fotografie saranno successivamente postate nella pagina Facebook https://www.facebook.com/ImagoEventiPalermo. Inoltre, martedì 10 Gennaio alle ore 18:00, gli interessati potranno recarsi presso la sede dell’Associazione Imago (Via Costantino 12 Cardillo – Palermo) per visionare e commentare insieme le fotografie realizzate. In seguito, con gli scatti migliori, verrà probabilmente allestita una mostra.                                               

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *