Sicurezza sul lavoro: poche risorse per le scuole

Clara Di Palermo

Sicurezza sul lavoro: poche risorse per le scuole

- giovedì 27 Aprile 2023 - 18:37

Troppo spesso trascurata quando si parla di morti sul lavoro, la scuola deve prevedere una formazione specifica anche per gli studenti. È quanto suggerisce il CNDDU.

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in occasione della Giornata internazionale della sicurezza e della salute sul lavoro (World Day for Safety and Health at Work), che si celebra oggi, giovedì 28 aprile, istituita nel 2003 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), intende proporre alcune riflessioni afferenti a tale problematica in ambito scolastico.

Secondo gli ultimi dati dell’INAIL, in merito alle denunce degli infortuni sul lavoro, nel 2022 sono state 697.773 (+25,7% rispetto allo stesso periodo del 2021); 1.090 delle quali con esito mortale; le patologie di origine professionale denunciate sono altresì aumentate, 60.774 (+9,9%).

Attualmente sappiamo che la normativa vigente in materia di sicurezza considera lo studente durante il PCTO come equiparato al lavoratore; articolo 2, comma 1, del Testo unico sicurezza sul lavoro lavoro: “il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società o dell’ente stesso; l’associato in partecipazione di cui all’articolo 2549(N), e seguenti del Codice Civile; il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all’articolo 18 della Legge 24 giugno 1997, n. 196(N), e di cui a specifiche disposizioni delle Leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro”.

Sicurezza sul lavoro già dai banchi di scuola

Sarebbe necessario quindi che gli studenti venissero formati adeguatamente sul tema della sicurezza onde prevenire eventuali infortuni e malattie professionali. Attualmente i percorsi formativi sono normati dall’articolo 37 del TU (Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti) e dagli Accordi Stato Regioni del 2011.

Sono previste due fasi formative: la prima, Formazione generale; la seconda Formazione specifica, riferita ai rischi e alle caratteristiche del luogo di lavoro che ospiterà lo studente.
Ebbene la formazione generale, secondo le FAQ del Ministero dell’istruzione e la guida dell’Inail e del Miur Gestione del sistema sicurezza e cultura della prevenzione nella scuola, dovrebbero essere fornite dall’istituto scolastico, infatti oggi è possibile far svolgere agli studenti il corso online di 4 ore disponibile sulla piattaforma https://alternanza.miur.gov.it/; la seconda (formazione specifica), invece, dovrebbe essere garantita dal datore di lavoro o dalla scuola, previo accordo, qualora quest’ultimo non fosse in grado di offrirla.

Poche risorse economiche

Il CNDDU fa presente di aver ricevuto segnalazioni in merito alla formazione specifica che destano preoccupazione in quanto al momento non sono disponibili risorse economiche nel bilancio delle scuole in grado di garantire tale adempimento formativo. Inoltre, da quello che sta emergendo, molte aziende non sono in grado di formare adeguatamente gli studenti dal momento che non riescono a coprire i costi della formazione specifica. Si chiede urgentemente al Ministero dell’Istruzione del Merito di avviare un monitoraggio al fine di comprendere l’entità della criticità rilevata, in modo da intervenire tempestivamente.

Necessaria un’adeguata programmazione

Riteniamo opportuno programmare sin dall’inizio dell’anno scolastico le attività didattiche sul tema della sicurezza, assicurando anche le risorse economiche necessarie di riferimento in funzione della formazione specifica necessaria oppure consentire ai docenti della classe di concorso A-46 discipline giuridiche ed economiche e delle classi concorso affini di poter maturare i requisiti atti a ricoprire il ruolo di formatori anche nella formazione specifica.
prof. Romano PesaventoPresidente CNDDU

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta