Cosa è la musica. Arte sublime

Redazione

Cosa è la musica. Arte sublime

- sabato 01 Febbraio 2020 - 07:00

La musica spalanca le porte di un regno sconosciuto che nulla ha in comune con il mondo sensoriale esterno.

La musica è il genere di arte perfetto. La musica non può mai rivelare il suo segreto più nascosto.

Oscar Wilde

Cosa è la musica? La condizione più disperata dell’esistenza umana è il silenzio interiore. Il nostro io è abitato da sovrumani silenzi e tutto ciò persisterebbe se non esistesse la musica. 

L’arte più grande, la voce vera dell’infinito, la più romantica di tutte le arti, la sola genuinamente romantica perché ha come oggetto l’infinito. Cos’è la musica.
La lira di Orfeo spalancò le porte dell’orco. La musica spalanca le porte di un regno sconosciuto che nulla ha in comune con il mondo sensoriale esterno. Entrandoci, l’uomo si lascia indietro tutte le sensazioni definite, per abbandonarsi ad una grande nostalgia.
E l’elemento della musica l’interiorità soggettiva, e si rivela nella sfera del sentimento, la sfera dell’io senza voce e senza luogo che è un vivere e vibrare in sé.

La musica e l’inconscio


E materia della musica all’inconscio corrente per trascorre silenziosa, la vita dell’anima rivelata dall’armonia. Quando tutti i moti più intimi del nostro cuore spezzano con un grido solo gli involucri delle parole, come se queste fossero la tomba della profonda passione del cuore proprio allora quelli risorgono nelle vibrazioni di corde soave, di arpe.

La musica ci fa scorrere davanti agli occhi la corrente stessa. La musica tocca la misteriosa arpa, e tracce in questo oscuro mondo, ma con un preciso ordine precisi e oscuri segni magici e le corde del nostro cuore risuonano e noi comprendiamo la loro risonanza.

Conoscere se stessi attraverso la musica

Nello specchio dei suoni il cuore umano conosce sé stesso. Sono essi che danno a molte parti oscure e sognanti negli angoli riposti nel nostro spirito una coscienza viva e arricchiscono di nuovi meravigliosi doni. Nessuna cosa descrive sentimenti in una maniera così ingegnosa ardita e poetica e appunto per questo tale maniera sembra artificiosa agli spiriti freddi. L’essenza di ogni poesia consiste nel condensare questi sentimenti che nella vita reale si disperdono.
La musica è sentimento di ogni sentimento che parla direttamente all’anima senza mediazione intellettuale senza esigenza di significato senza voler dire niente altro che il dire stesso.

Componendo i frammenti del suono, il musicista rivela l’originaria armonia non corrotta dal pensiero non violata dalla conoscenza, l’infinito che riposava nell’esterno. Nel mondo che l’arte dei suoni costruisce come il simbolo della nostra vita: una commovente breve gioia che si alza e s’inabissa non si sa perché.

La musica, breve gioia della vita


Cos’è la musica. Per darci una spiegazione, bisogna ascoltare il cuore. La musica è una commovente breve gioia che toglie l’uomo della dura verità del tempo e delle sue illusioni e gli fa intravedere un mondo differente. E l’elemento che costruisce le ali dell’anima e consente adesso di librarsi in alto.
Allora io chiudo gli occhi a tutta la guerra del mondo e mi ritiro silenzioso nel paese della musica per riconquistare la gioia perduta, per ritornare al giardino delle origini, per ritrovare l’eterno, per sognare i sogni perduti nella tumultuosa contesa della vita.   

Dagli archivi de L’InchiestaSicilia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta