The Chivalric Folk Tradition in Sicily di Marcella Croce

Giusi Serravalle

The Chivalric Folk Tradition in Sicily di Marcella Croce

- lunedì 14 Novembre 2016 - 08:34

Marcella Croce ha realizzato un ricco volume che raccoglie le tradizioni siciliane dei cantastorie, dell'opera dei pupi, dei carretti e di altre forme di arte popolare...

 

Spazio Libri 

a cura di  Giusi Serravalle

 

Tracciando lo sviluppo in Sicilia di una tradizione cavalleresca basata sulle storie medievali di Carlo Magno e i suoi Paladini, Marcella Croce da vita a un ricco volume che raccoglie le tradizioni siciliane dei cantastorie, dell’opera dei pupi, dei carretti e di altre forme di arte popolare, edito da McFarland.

L’autrice Marcella Croce riporta le interviste ai pupari, le descrizioni e illustrazioni dei carretti dipinti e i cartelloni dell’opera dei pupi.
La diffusione della tradizione cavalleresca in Sicilia può essere in parte spiegata dal ‘senso dell’onore’ che ha per lungo tempo permeato la vita in Sicilia.
La storia del puparo Franco Cuticchio e della sua famiglia getta luce sulle difficoltà e le attuali incertezze di questa arte.

 

L’autrice: Marcella Croce

Marcella  Croce è nata a Palermo dove si è laureata in lingue e letterature inglese. Ha conseguito il dottorato di ricerca in letteratura italiana presso la University of Wisconsin-Madison (USA). Ha insegnato italiano nelle università di Isfahan (Iran) e Kyoto (Giappone).

Per oltre venti anni ha tenuto conferenze sulla cultura siciliana per studenti americani della Terza Età nell’ambito del programma Elderhostel organizzato a Palermo dal Trinity College (Hartford, CT. USA). E’ coordinatrice e docente del semestre all’estero organizzato a Palermo dal 2002 per gli studenti dello Union College (Schenectady, NY, USA). Ha pubblicato numerosi volumi in italiano e in inglese sulle tradizioni popolari siciliane.

Titolo: The Chivalric Folk Tradition in Sicily
Autore: Marcella Croce
Editore: McFarland
Anno: 2016
Prezzo: euro 72,00

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta