Un padre una figlia e Man in the Dark…al cinema

Massimo Arciresi

Un padre una figlia e Man in the Dark…al cinema

- mercoledì 14 Settembre 2016 - 07:54

I film di questa settimana: Un padre una figlia e Man in the Dark...

Voglia di Cinema! – I consigli di Massimo Arciresi

 

Un padre una figlia (Bacalaureat, Romania/Francia/Belgio, 2016) di Cristian Mungiu con Adrian Titieni, Maria-Victoria Dragus, Malina Manovici, Lia Bugnar.
Autore osannato (soprattutto a Cannes), il rumeno Mungiu continua a osservare sconsolato il suo Paese, campione ideale di ciò che non funziona nel mondo. È per questo che Romeo (l’ottimo Titieni) non vede altro futuro possibile per la figlia Eliza (Dragus), brillante studentessa: dovrà laurearsi in Inghilterra. Un progetto sottilmente imposto, che rischia di sgretolarsi quando la ragazza, proprio alla vigilia dell’esame di maturità che le aprirà le porte del suo radioso avvenire, subisce una (plurirappresentativa) aggressione. Lo shock le permetterà di ottenere i pieni voti che le occorrono per partire? La calibrata illustrazione dell’ipocrita ricorso a pratiche e personaggi da cui si vorrebbe rifuggire, della sfiducia nel prossimo e soprattutto alcuni “cattivi presagi” degni di Haneke colgono nel segno.

 

Oppure…           

man_in_the_dark

Man in the dark

Man in the Dark (Don’t Breathe, USA, 2016) di Fede Álvarez con Jane Levy, Dylan Minnette, Stephen Lang, Daniel Zovatto
Dal regista del non deprecabile (ma nemmeno necessario) remake de La casa, un cupo thriller su tre sbandatelli (seccamente dipinti nel prologo) che, in barba alla prudenza usata in altri colpi, decidono di rapinare un ex-militare cieco e afflitto da un lutto. È lui “l’uomo nel buio” (e pensare che è il titolo “italiano”!): perché non ci vede, perché l’azione si svolge di notte e perché su di lui emergeranno particolari poco edificanti. Tutto concorre, comunque, a una reazione inaspettata, nerboruta e rabbiosa. Magari la trama “arrotonda”, ma indubbiamente la tensione c’è. E in teoria non si tifa per nessuno!

 

La frase della settimana

«Te faccio l’‘effetto psicofarmaco’?» La sanguigna Camilla Diana sminuisce – come sempre – le dichiarazioni passionali ed entusiastiche di Kim Rossi Stuart, suo aspirante boyfriend, dopo che quest’ultimo le ha detto quanto gli fa bene trascorrere del tempo con lei, giovane donna che veicola una transizione inevitabile per il problematico e inquieto (specialmente con le donne) Tommaso (Italia, 2016) di Kim Rossi Stuart.

 

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta