Largo ai giovani fotografi della U.I.F.

Redazione

Largo ai giovani fotografi della U.I.F.

- mercoledì 06 Luglio 2016 - 08:13

La produzione di sei fotoamatori esordienti proposta in una meritata mostra collettiva presso Mondadori Megastore, in via Ruggero Settimo n.18, visitabile fino all'8 luglio...

 

La produzione di sei fotoamatori esordienti proposta in una meritata mostra collettiva

 

di  Andrea di Napoli

Si succedono rapidamente le mostre fotografiche che l’Unione Italiana Fotoamatori allestisce, quasi senza soluzione di continuità, negli spazi cortesemente messi a disposizione dal Mondadori Megastore di Palermo. Recentemente l’Associazione ha ritenuto opportuno concedere visibilità ai più giovani dei fotoamatori aderenti che realizzano le proprie immagini tra il capoluogo siciliano e il territorio circostante.

Indubbiamente la Fotografia è una di quelle passioni che frequentemente si eredita dai parenti più prossimi, come accade per l’interesse verso le automobili, l’antiquariato o il vino. I padri, i nonni e, andando indietro nel tempo, perfino i cianotipisti ottocenteschi hanno trasmesso nel patrimonio genetico familiare una particolare sensibilità per le immagini fisse ottenute attraverso un attento controllo della luce. Infatti la metà degli autori dei lavori esposti è cresciuta vicino a dei fotografi, esperti, conosciuti e apprezzati. Nell’altra metà, invece, la predisposizione per la ripresa fotografica si è manifestata spontaneamente e, dopo una progressiva evoluzione, ha portato tranquillamente a conseguire dei validi risultati.

Il tema libero ha consentito ai giovani UIF di proporre gli scatti che meglio rappresentano il proprio modo di osservare il mondo che li circonda. Si distinguono, in tal modo, quelle che potremmo definire delle “mini-personali”:

  • Giuliana Calabrese ha realizzato un reportage perlustrando il quartiere cittadino di Borgo Vecchio.
  • Maria Rita Di Vincenzo ha espresso una personale creatività nelle suggestive vedute della spiaggia e del molo di Mondello.
  • Fabiana Di Vita in occasione di un evento “a tema” (il raduno austeniano nel giardino di Villa Trabia) ha concepito un progetto che ricorda i raffinati tableau vivant di una volta, impiegando disinvolti soggetti in costume e in pose ricercate.
  • Gabry Di Vita ha scattato le sue fotografie tra vicoli ed architetture caratteristiche.
  • Svetlana Chiara Roccapalumba ha “indagato” con curiosità e fantasia tra i prodotti, la gente e l’atmosfera del mercato di Ballarò.
  • Paolo Zannelli durante una visita ai Cantieri Navali ha saputo cogliere spazi interessanti e prospettive insolite utilizzando efficacemente il bianco e nero.

Nel corso della giornata inaugurale, il gruppo di giovani fotoamatori alla prima esperienza espositiva è stato presentato a visitatori dal Segretario Provinciale UIF, Domenico Pecoraro,  che ha sottolineato le capacità e le preferenze di ciascuno, elogiando ognuno di loro per i risultati ottenuti.
Come succede regolarmente anche tra i fotografi “avanti negli anni”, il clima cordiale ed amichevole ha favorito la socializzazione tra ragazzi appassionati della medesima forma di espressione artistica, ma anche tra loro e gli adulti che li hanno voluti incoraggiare e supportare.
In una occasione simile appare anacronistico formulare valutazioni e singoli giudizi di merito, dal momento che la mostra costituisce un successo corale di sei giovani fotografi pronti a partecipare a  tutte le iniziative sociali, uscendo a buon diritto dal cosiddetto “settore giovanile”.
Attraverso i lavori esposti i giovani hanno portato una ventata di aria nuova all’interno dell’Associazione, dimostrando di conoscere gli strumenti e di possedere la tecnica necessaria per procedere speditamente lungo un percorso artistico pieno di soddisfazioni, rispettando vecchie regole o sperimentandone di nuove ma, in ogni caso, consapevoli della tradizione dei soci U.I.F.

La mostra fotografica collettiva juniores della UIF, allestita a Palermo, presso la sala lettura,  al quarto piano del Mondadori Megastore, in via Ruggero Settimo n. 18, fino all’8 luglio 2016, è visitabile tutti i giorni feriali dalle ore 09,30 alle ore 20,30 e domenica dalle ore 10,00 alle ore 20,00

L’ingresso è libero

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta