Un nuovo documento programmatico di Assoturismo Confesercenti Sicilia

Redazione

Un nuovo documento programmatico di Assoturismo Confesercenti Sicilia

- venerdì 03 Giugno 2016 - 07:30

Turismo in Sicilia: un nuovo documento programmatico di Assoturismo Confesercenti Sicilia...

Assoturismo Confesercenti Sicilia ha presentato le proposte programmatiche in materia di sviluppo turistico. Ricettività alberghiera ed extra, servizi noleggio, guide turistiche, stabilimenti balneari, agenzie di viaggio, tour operator e attività commerciali del turismo, i capisaldi del documento programmatico

 

di  Salvo Basile*        

Porre all’attenzione del Governo riflessioni e proposte, tese a rafforzare la competitività del  prodotto turistico regionale. Sono state queste le ragioni poste alla base dell’incontro tra i referenti delle federazioni verticali di categoria appartenenti ad Assoturismo Confesercenti Sicilia guidati dal Presidente Regionale Confesercenti,  Vittorio Messina e dal Direttore Regionale Confesercenti  Michele Sorbera e il Vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Giuseppe Lupo, il Dirigente generale dell’Assessorato regionale al Turismo, Sergio Gelardi e il Capo di Gabinetto dell’Assessorato regionale al Turismo Pietro Di Miceli.

Documento programmatico di Assoturismo Confesercenti Sicilia
Per l’occasione, è stato presentato un documento programmatico per lo sviluppo turistico regionale, che riassume, per punti, le istanze dei  vari settori che compongono l’offerta turistica Siciliana: ricettività alberghiera ed extra alberghiera, servizi noleggio con conducente, guide turistiche, stabilimenti balneari, agenzie di viaggio – tour operator e attività commerciali del turismo, attraverso il quale il mondo produttivo aderente a Confesercenti, evidenzia che non si può  affrontare il fenomeno turistico se non con un approccio interdisciplinare e multisettoriale, mediante il quale contemperare la pluralità degli interessi della filiera per una più efficiente valorizzazione delle nostre destinazioni turistiche.confesercenti turismo
Tra gli interventi d’urgenza richiesti, emerge un maggiore impegno nell’azione di contrasto all’abusivismo, da parte degli organi preposti al controllo del territorio  e l’istituzione di un tavolo tecnico per dare vita alla riforma della Legge di settore – la Legge 10 del 2005, al fine di riconfigurare il sistema di governance che sovraintende il turismo oggi non più rispondente alle esigenze di un mercato che negli ultimi 10 anni è profondante mutato.
In tema di professioni turistiche,  la Confederazione evidenzia la necessità di coniugare i contenuti della Legge 97/2013 in materia di guida nazionale con la ratio delle disposizioni contenute nella Legge Regionale n. 8 del 2004 a salvaguardia del legame della professione con il territorio. Cosi come appare non più rinviabile restituire alla Regione il regolamento delle agenzie di viaggio e turismo, ritirato in autotutela nel 2008 dalla Corte dei Conti.

Sul fronte dei trasporti, l’attenzione va posta non solo al miglioramento della mobilità, combinando in maniera virtuosa e in una logica  complementare i servizi  pubblici con quelli privati  non di linea, ma anche prevedendo accordi con le compagnie aree in grado di accrescere l’accessibilità del nostro territorio.
Gravi ritardi vengono anche evidenziati, dagli operatori turistici, in materia di demanio marittimo, a causa delle gravi responsabilità in capo ai Comuni rivieraschi  che  non hanno ancora provveduto alla redazione dei piani spiaggia, nonché a fronte dello stato di incuria in cui versano grandi porzioni di litorale esposto anche al grave  fenomeno dell’erosione della costa.
Assoturismo, infine, sollecita l’Assessorato, affinché l’utilizzo delle risorse comunitarie, a valere sulla programmazione 2014 – 2020 avvenga nel rispetto del principio dell’addizionalità, cosi da assicurare un reale impatto economico positivo  per i territori destinatari degli interventi finanziati.
Ampia Condivisione da parte sia della Politica che dell’Amministrazione al ramo, a intraprendere un percorso condiviso che a partire dalle questioni illustrate possa porre le basi su  cui costruire  il futuro modello di sviluppo turistico della Regione.

* Assoturismo Confesercenti Sicilia

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta