Sicilia sulla neve

Redazione

Sicilia sulla neve

- giovedì 09 Gennaio 2014 - 09:00

Certo non è usuale parlare di settimana bianca in Sicilia, ma non dimentichiamo che sull’Isola svettano alcuni tra gli altipiani più intensi e dotati di un ricco patrimonio naturale

 

di Lucia Valenti 

Nell’immaginario collettivo, l’idea di vacanza in Sicilia ci richiamare alla mente sole, mare, spiagge dorate. Ma in realtà, la Sicilia non è soltanto questo. Se allarghiamo lo sguardo oltre i confini del mare, scopriamo uno splendido universo, ricco di  spettacolari altipiani innevati, che risplendono sotto i raggi del sole.

Certo non è usuale parlare di settimana bianca in Sicilia, ma non dimentichiamo che sull’Isola svetta una delle montagne più alte d’Italia: l’Etna. In una cornice naturale tra le più suggestive di Italia, l’Etna offre la possibilità di vivere in pieno la montagna, godendo di tutte le sue risorse invernali; neve flora, fauna tipiche della stagione fredda. Un patrimonio naturale che regala passeggiate rilassanti, escursioni all’insegna della natura e divertentissime sciate.  

Tra i 1860 e i 2400 metri di altezza, svetta la località di Linguaglossa: la favorevole esposizione delle piste unita all’altitudine rendono questa località un punto d’incontro straordinario per gli sciatori provenienti da tutta l’Italia.

La stazione sciistica di Piano Provenzana, con l’omonima pineta, è la più importante del comprensorio. Sciando nelle piste in alta quota, lo sciatore potrà godere di uno spettacolo unico: una distesa di mare blu, rappresentata dal mar Jonio, in contrasto con il manto bianco della neve.

Inoltre, i comuni che circondano la montagna offrono un ulteriore divertimento con le numerose sagre e feste patronali, nonché la possibilità di fare indimenticabili viaggi nell’enogastronomia locale.

L’altra importante occasione di vacanza invernale è offerta da Piano Battaglia sulle Madonie. Splendida località di villeggiatura e di sport invernali, rappresenta una frazione di Petralia Sottana. Si trova nel cuore del massiccio delle Madonie, tra il complesso montuoso di Pizzo Carbonara e Monte Mufara in un contesto paesaggistico e ambientale di grande valore naturalistico.Una splendida opportunità  per una gita lontano dallo stress e dall’inquinamento della città e godersi uno o più giorni di relax, godendo dei colori caldi e variegati di cui si veste la natura nel periodo autunnale e gustando i prodotti tipici delle Madonie nei vari ristori, baite e rifugi abbondantemente presenti in tutta la località. Inoltre, Piano Battaglia rappresenterebbe il luogo ideale per praticare discipline come il downhill.

Piano Battaglia è sede di una splendida faggeta e rappresenta il punto di partenza per innumerevoli escursioni da compiere sulle alte Madonie.

Nell’ambito del circuito degli European Geopark, di cui fa parte il Parco delle Madonie, Piano Battaglia è sede di un interessante sentiero geologico che offre la possibilità di osservare spettacolari formazioni coralline fossili del Mesozoico, appartenenti al dominio della Piattaforma Carbonatica Panoramide.

Poco distante, nel territorio del comune di Isnello, sorge un’altra località sciistica: Piano Zucchi, località di montagna a quota 1100 metri, in mezzo a un fitto querceto nel cuore del Parco delle Madonie.

Il primo insediamento avvenne nel 1927, quando vi fu costruito il rifugio Luigi Orestano Club Alpino Siciliano per gli appassionati della montagna.

Nei primi anni settanta, al fine di sviluppare il turismo montano, si diede vita ad un piano di lottizzazione, con la costruzione di una serie di villini aventi il caratteristico aspetto delle case di montagna. Dopo alcuni anni, fu edificata la chiesetta dedicata a San Paolo Apostolo.

Dal punto di vista naturalistico, interessanti sono alcuni esemplari di leccio (Quercus ilex) che raggiungono notevoli dimensioni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta