Acquagym: benessere in acqua

acquagym

Grazie alla resistenza dell’acqua, la fatica, si avverte di meno. Inoltre, si bruciano più grassi e più calorie. I muscoli si rassodano di più. Si riattiva la circolazione e si eliminano le tossine. Tutti i benefici dell’acquagym

 

di  Patrizia Romano

E’ risaputo che la ginnastica e il nuoto sono le attività che consentono maggiormente di ritornare in forma o di mantenersi tale quando si ha la fortuna di esserlo già. E quando le due attività si fondono? L’efficacia dell’una e dell’altra aumentano splendidamente e il fisico può vantare un miglioramento miracoloso. E’ proprio quello che è in grado di fare l’acquagym. Sì, la ginnastica in acqua è una fusione perfetta per il nostro fisico.
Grazie alla resistenza dell’acqua, la fatica, rispetto a quanto avviene in palestra, non si fa sentire con la stessa entità. Inoltre, si bruciano più grassi e più calorie, i muscoli si rassodano di più, si riattiva la circolazione e si eliminano le tossine. Basta un mese di acqua gym praticata in maniera costante che il corpo ritrova tonicità, diventa più sodo e le forme appaiono più armoniose e scolpite.
Il training andrebbe programmato almeno due o tre volte a settimana e per ogni movimento. Bisognerebbe praticare tre serie da 15 a 25 ripetizioni a tempo di musica. Insomma, il divertimento è assicurato.

Negli ultimi anni, l’acquagym ha preso piede in maniera considerevole. Una spiaggia non può essere considerata tale se non ha il corso di acquagym affollato da signore e signorine di tutte le età e, magari, qualche coraggioso signore che partecipa timidamente.
Occorre ribadire che, rispetto agli altri sport, l’acqua gym ha una serie di vantaggi. Intanto, si bruciano più calorie. Oltre alle calorie bruciate per i movimenti della ginnastica, bisogna considerare anche quelle bruciate dal corpo che tenta di aumentare la sua temperatura in risposta all’acqua fresca. La resistenza che l’acqua oppone ai movimenti, inoltre, causa un maggior dispendio di energie.
A questo si aggiunge che c’è un minor rischio di infortuni. Rispetto alle attività svolte all’asciutto, l’acquagym riduce, infatti, il rischio di strappi muscolari, specialmente alla schiena. L’acqua, infatti, funge da sostegno per la colonna vertebrale e impedisce di fare movimenti troppo repentini. Inoltre, ci si allena in maniera uniforme. Per svolgere gli esercizi in una massa d’acqua il corpo deve muoversi in maniera armoniosa, per consentire questo vengono impegnati, anche inconsapevolmente, quasi tutti i muscoli. Il processo di rassodamento dei tessuti sarà così molto più omogeneo rispetto ad altre attività fisiche.

Con l’acquagym, si combatte la cellulite.  A ogni spostamento, l’acqua reagisce smuovendosi e creando una specie di ‘effetto massaggio’. La pressione esercitata sulle aree del corpo stimola la microcircolazione cutanea, che è molto importante per combattere o prevenirne la cellulite.

Infine, possiamo dire che questa attività migliora il funzionamento delle articolazioni. L’acquagym, infatti, inizialmente è nata come ginnastica riabilitativa per riprendere i normali movimenti dopo traumi, fratture o interventi chirurgici. Le articolazioni, in particolare, ne traggono beneficio grazie alla resistenza opposta dai liquidi ai movimenti.

 

 

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *